RICKY E LA PASSIONE PER LE RANE

Chi mi segue su instagram lo avrà capito: Riccardo ha una vera e propria passione per le rane.

Questa passione è nata da quando abbiamo scoperto che nella bealera vicino a casa ce ne sono davvero tante e le andiamo a salutare quasi ogni giorno durante la nostra passeggiata. Già l’anno scorso, ma quest’anno ha mostrato un vero e proprio interesse in maniera più specifica.

E quindi mamma che fa? Si mette all’opera ovviamente.

Come prima cosa durante la rotazione giochi abbiamo creato una zona gioco dedicata alla rana. Abbiamo messo tre libri:

  • “La rana” di Bernadette Gervais (L’ippocampo ragazzi)
  • “Buongiorno, ranocchia!” di Agnese Baruzzi e Gabriele Clima (La coccinella)
  • “Il principe ranocchio” di Ulf Stark e Silke Leffler (Ikea)

Abbiamo poi usato alcune rane che si possono trovare nelle classiche buste di animali che si trovano nei negozi di giocattoli e ho acquistato su Amazon il ciclo della vita della rana della “Safari Ltd”. E’ davvero ben fatto e inoltre si possono trovare anche altri animali come l’ape o la tartaruga marina. Vi consiglio di andare a dare un’occhiata.

Dopo aver creato il nostro angolino dedicato alla rana siamo passati all’osservazione: siamo quindi usciti a fare più passeggiate osservandole e fotografandole.

Gli ho preparato alcune schede dove attraverso il gioco poteva mettere in pratica quello che aveva imparato grazie ai libri e all’osservazione. Ho aggiunto anche la scrittura (che mi richiede spesso ultimamente) e due semplici giochi per contare.

Non sapevo come avrebbe potuto reagire a queste schede, che ovviamente non gli ho mai imposto, essendo che era parecchio tempo che non andava all’asilo. Ma con grande sorpresa è stato proprio lui a chiedere di fare “i compiti”. Vedendo in questo periodo di quarantena il nostro vicino più grande che faceva i compiti, Riccardo ha visto queste attività di gioco come dei veri e propri compiti che ha poi voluto far vedere anche ai nonni.

Ha imparato un mucchio di cose: ora sa che la rana è un anfibio e quali altri animali lo sono, sa che cosa mangia la rana e chi invece la preda, sa che quando il maschio gracida sta cercando una fidanzata (ok, questo non è proprio scientifico ma è la sua visione delle cose) e che poi fanno le uova da cui nascono i girini e sa anche tutti i passaggi prima che diventino delle rane.

Non pensavo che un bimbo di soli 4 anni potesse imparare così tante nozioni e che soprattutto potesse capirle. Proprio l’altra sera mi ha chiesto dove abitavano i pinguini e io gli ho risposto che stanno sul ghiaccio e che entrano in acqua per cercare i pesci da mangiare e lui ci ha riflettuto un po’ e poi mi dice “mamma, ma quindi il pinguino è un anfibio perchè vive in acqua e sulla terra”. Ovviamente gli ho spiegato che non è così, ma mi ha stupito il suo ragionamento che sinceramente vista l’età non mi sembra per niente scontato.

Siamo già di nuovo all’opera, mi ha detto che vuole imparare tutto sulle api, sui ragni e sulle tartarughe.

Vi lascio i link dei materiali usati:

Se qualcuno volesse le schede che ho preparato per Ricky mi contatti pure e sarò ben felice di passarle per far felice qualche altro bambino che ha voglia di imparare tutto sulle rane.

Come sempre vi aspetto sui social. Mi trovate come Lisa Favalli su Facebook e come _l_for_lisa su Instagram.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...